Decima edizione carica di novità quella che sta per arrivare: con l’obbiettivo di far conoscere alcune tra le diverse e più importanti rassegne di cortometraggi presenti nel territorio italiano, il Festival Alto Vicentino a partire da quest’anno dà il via ad un gemellaggio tra festival.
Nella serata di sabato verrà dedicato dello spazio alla presentazione di tre festival ospiti – l’Amarcort, il Nonantola Film Festival e l’Euganea Film Festival – durante il quale il pubblico avrà modo di visionare anche alcuni dei corti in concorso nelle rispettive edizioni.

L’Amarcort, festival di cortometraggi dedicato a Federico Fellini, si tiene da 8 anni a dicembre a Rimini. Attualmente alle prese con l’iniziativa “Il giro del mondo in 80 corti” – una serie di incontri alla scoperta del cinema attraverso i cortometraggi di tutto il mondo – il festival ripartirà il prossimo 2 dicembre con un concorso di cortometraggi indirizzato a giovani registi e produzioni indipendenti e internazionali.
Il Nonantola Film Festival – la cui ultima edizione, conclusasi pochi giorni fa, ha accolto nella programmazione anche alcuni corti delle precedenti edizioni del FAV – è un festival che si tiene tra i comuni modenesi di Nonatola, Bomporto, Castelfranco e Ravarino. Attraverso concorsi cinematografici e rassegne sostiene il lavoro di cineasti e case di produzione emergenti, cercando di coinvolgere le persone sia come spettatori, che come veri e propri “creatori di cinema”.
Last but not least, un festival a noi limitrofo: l’Euganea Film Festival. La rassegna, che ha luogo tra Monselice, Este e Padova, da oltre 15 anni promuove il cinema indipendente internazionale e valorizza gli spazi più belli del territorio dei Colli Euganei come corti, palazzi, borghi e giardini. La prossima edizione si terrà dal 30 giugno al 17 luglio.

Tanti nuovi spunti insomma per gli appassionati di cinema (sia per chi lo guarda, sia per chi lo fa), che potranno scoprire nuove realtà, nuove idee e, perché no, nuove occasioni per mettersi in gioco.